Il Grande Sud - Il Grande Sud

Il Grande Sud di Angelo M. D'Addesio. Attualità, cybercultura, politica e diritti nell'America Latina 2.0

RSS Feed

In Argentina con le balene

La natura, si sa, ha i suoi orologi e quando l’uomo si sintonizza con loro, in tanti possono godere di uno spettacolo unico e raro, che in tempi di giacimenti offshore e sfruttamento ittico all’osso, rende il mondo migliore. Dal 28 al 31 maggio, nella provincia di Chubut (dal nome del fiume che la attraversa), in particolare a Puerto Madryn, uno dei tanti centri della Peninsula Valdes (la piú importante riserva naturale argentina per biodiversità ed estensione (con quasi 400mila ettari nell’entroterra e 176mila circa di mare), si vive ogni anno, per due volte all’anno (giugno e dicembre) la “Vigilia de las Ballenas”, l’arrivo vicino alle coste della Balena Franca Austral. Se però a dicembre le migliori condizioni meteo dell’emisfero australe permettono il pienone in tutte le cittadine della penisola dichiarata nel 1999 patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO, a cavallo della stagione invernale che sta per arrivare l’appuntamento è più difficile, ma non per questo turisti ed appassionati si arrendono. Dal 2006 però l’appuntamento va anche sul web, con 12 ore di filmati giornalieri per quattro giorni sul sito www.chubut.gov.ar/ballenas, la copertura dei maggiori quotidiani argentini e sudamericani, oltre allo speciale sul blog, la storia della Balena. L’esemplare è quasi totalmente estinto nell’emisfero settentrionale, di colore nero con macchie bianche, pesante 54 tonnellate e lunga 17 metri in media, è ormai presente solo nel profondo Emisfero Australe e visibile solo nelle poche occasioni vicino alle coste argentine. Negli scorsi anni, lo spettacolo è stato seguito sul web da circa un milione e mezzo di persone, collegate da 133 paesi. Un numero destinato a crescere…E ne vale la pena esserci in qualunque modo.