Il Grande Sud - Il Grande Sud

Il Grande Sud di Angelo M. D'Addesio. Attualità, cybercultura, politica e diritti nell'America Latina 2.0

RSS Feed

Speranza svanita: Erika è morta

ErikaAbbiamo atteso, pur senza grandi speranze, di avere notizie prima di scrivere e la notizia triste, prevedibile dopo tanti giorni di ricerche dal naufragio del Costa Concordia, è arrivata. Erika Soria Molina, la cameriera impiegata da diversi mesi nelle crociere Costa che, per ammissione di molti suoi connazionali, ha aiutato molti a salire sulle scialuppe, ha perso la vita. Dopo quindici giorni di ricerche e la prova del DNA, il diciassettesimo corpo ritrovato è quella della giovane universitaria peruviana, i cui genitori erano arrivati in Italia dopo un lungo viaggio per “ritrovarla viva o anche morta”, per cui gli amici dell’Università Andina di Cusco, dove si era laureata in Turismo, avevano organizzato una veglia di preghiera e di speranza. Erika è stata trovata senza il giubbotto salvagente che forse, come era stato ipotizzato, indossava ma aveva dato ad altri, ma i dubbi sono stati fugati dal riconoscimento della sua divisa di servizio. Forse lo strazio di Saturnino e Benedicta e dei suoi due fratelli di riconoscere corpi è finito ma ne inizierà un altro più lungo, quello di riportare a casa la povera ragazza peruviana e di vivere con un incolmabile vuoto. La divisa, quella di Erika, non era di un capitano, di un ufficiale, ma il suo altruismo vale molto più di mille divise e merita di essere ricordato, specie a fronte di quella di un comandante assassino ( non è un verdetto ma una nostra opinione, ciascuno tragga le sue considerazioni) che porta sulla coscienza lei, come molti, e che vive di nuovo tranquillo (speriamo vivamente di no) nella sua casa, mentre altri piangeranno nelle loro per la sua incoscienza.   

Sul tema anche: Erika l'eroina peruviana ancora dispersa che ha salvato decine di persone

 http://angelodaddesio.nova100.ilsole24ore.com/2012/01/erika-leroina-peruviana-ancora-dispersa-che-ha-salvato-decine-di-persone.html